Yemen

Yemen: Saleh ucciso dagli ex alleati houti

L'ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh è stato ucciso lunedì a Sanaa, 48 ore dopo la sua decisione di porre fine alla sua alleanza con la ribellione. Da parte sua, l'attuale presidente Hadi chiama "aprire una nuova pagina".

da download  05/12/2017

L’ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh è stato ucciso lunedì a Sanaa, 48 ore dopo la sua decisione di porre fine alla sua alleanza con la ribellione. Da parte sua, l’attuale presidente Hadi chiama “aprire una nuova pagina”.

 

IL RACCONTO

 

L’ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh è stato ucciso dagli Houthi lunedì 4 dicembre, ha annunciato quest’ultimo, prima che l’informazione fosse confermata a France 24 da una fonte familiare e ad AFP da Faïka al-Sayyed , un leader del partito dell’ex presidente, il General People’s Congress (CPG).

Secondo fonti di Houthi, l’auto blindata dell’ex presidente è stata fermata da un razzo e l’ex presidente è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco. Il suo vice segretario generale, Yasser al Aouadi, è stato anche ucciso, secondo diverse fonti nel partito dell’ex presidente.

Foto e video, a quanto pare girati dai ribelli diffusi sui social network, poco prima della proclamazione dei Houthi, mostrano quello che sembra essere l’ex presidente, apparentemente privo di vita, con uno squarcio profondo nella parte posteriore della la testa.

Saleh aveva proposto di “girare la pagina”

Questo annuncio arriva quando l’ex presidente Saleh e i ribelli sciiti Houthi hanno visto la loro alleanza, sigillata tre anni fa, in frantumi durante la scorsa settimana.

I combattimenti infuriano tra le truppe leali al ex presidente e gli Houthi del 29 novembre nella capitale Sanaa, le due parti ribelli controllano congiuntamente dal 2014 a spese del governo riconosciuto a livello internazionale Abd Rabbo Mansour Hadi fuggito a Aden, nel sud.

In uno sviluppo spettacolare, Ali Abdullah Saleh aveva raggiunto l’Arabia Saudita il 2 dicembre, proponendo a Riyad di “voltare pagina” in cambio dell’eliminazione del blocco che strangola la popolazione. Gli Houthi hanno quindi denunciato un “grande tradimento”.

La morte di Ali Abdallah Saleh, 75 anni, potrebbe essere un importante punto di svolta nel sanguinoso conflitto dopo la sua partenza dal potere nel 2012.

Le forze dell’attuale presidente marciano verso Sanaa

Di fronte alla fine dell’alleanza ribelle, l’attuale presidente Hadi ha, dal canto suo, “ordinato al suo vicepresidente Ali Mohsen al-Ahmar, che si trova a Marib (100 km a est di Sanaa ), di attivare la marcia (…) verso la capitale “, ha annunciato lunedì un membro del suo entourage. Chiamato “Sanaa l’arabo”, l’operazione consisterebbe, secondo il membro dell’entourage di Abd Rabbo Mansour Hadi, a prendere la capitale a tenaglie su diversi fronti, specialmente nell’est e nel nord-est.

Successivamente, il presidente Hadi ha incoraggiato gli yemeniti ad “aprire una nuova pagina” nella storia del paese. “Uniamo le forze per porre fine a queste bande criminali e iniziare a costruire un nuovo Yemen federale in cui prevalgono giustizia, dignità, (…) stabilità e sviluppo”, ha detto in un discorso. trasmesso da Riyadh.

Oltre al sostegno della coalizione guidata dai sauditi, le forze armate lealiste hanno ottenuto il sostegno delle tribù Khawlane che controllano la parte orientale di Sanaa, hanno riferito le fonti.

Al fine di indebolire gli Houthi, il governo Hadi ha allo stesso tempo annunciato la sua disponibilità a offrire un’amnistia a tutti coloro che cessano di collaborare con questi ribelli.

Nel centro della “peggiore crisi umanitaria del mondo”, secondo le Nazioni Unite, la guerra nello Yemen acuisce le tensioni regionali in tutto il rivalità tra sunniti l’Arabia Saudita e l’Iran sciita, accusato dal sostegno militare di Riyadh ai ribelli Houthi quello che confuta.

Secondo il Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC), gli scontri nella capitale hanno lasciato almeno 125 morti e 238 feriti da mercoledì. Il CICR riferisce che la notte da domenica a lunedì ha subito i peggiori combattimenti per cinque giorni e l’ha costretta a rimuovere tredici dei suoi dipendenti dal paese.

Con Reuters e AFP

 

L’ANALISI IN STUDIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...