Yemen

La mano tesa di Saleh all’Arabia Saudita

L'ex presidente Ali Abdullah Saleh sabato ha invitato l'Arabia Saudita a "voltare pagina" dopo tre anni di guerra. Una chiamata acclamata da Riyadh, ma non significa la fine del conflitto, secondo gli specialisti.

da  download    03/12/2017

“una scelta strategica più che ideologica”

20171203-yemen-saleh

© Mohammed Huwais, AFP | L’ex presidente Ali Abdullah Saleh ha rotto la coalizione con i ribelli Houthi il 2 dicembre.

L’ex presidente Ali Abdullah Saleh sabato ha invitato l’Arabia Saudita a “voltare pagina” dopo tre anni di guerra. Una chiamata acclamata da Riyadh, ma non significa la fine del conflitto, secondo gli specialisti.

L’ex presidente Ali Abdullah Saleh, che ha annunciato sabato (2 dicembre) che vuole “voltare pagina”nei rapporti con l’ Arabia Saudita , spezza una coalizione di oltre tre anni con i ribelli Houthi. Queste milizie sciite, sostenute dall’Iran , presero il controllo di Sanaa nel marzo 2015.

Dopo oltre tre anni di guerra, la fine della coalizione ribelle appare come una “svolta importante” nel conflitto. Spiegazioni.

Perché l’ex presidente Ali Abdullah Saleh ha deciso di rompere la sua alleanza con i ribelli Houthi ?

Questo annuncio era prevedibile: si rivela essere la conseguenza logica di cinque mesi di differenze tra l’ex presidente Saleh e gli Houthi, che si sono già opposti in passato a scontri armati. La scorsa notte, la crisi ha raggiunto il suo picco quando le forze di ogni campo si sono scontrate e una sorta di guerriglia è iniziata per le strade di Sanaa, commenta la giornalista saudita Afrah Nasser nel suo post sul blog “La battaglia per Sanaa “ , pubblicato domenica 3 dicembre.

Il movimento sciita Houthi, che rivendica lo zadismo (il movimento sciita più vicino al sunismo), e il partito dell’ex presidente Saleh (sunnita) non hanno mai condiviso la stessa ideologia. “Saleh ha guidato sei guerre successive, tra il 2004 e il 2011, contro i ribelli sciiti, prima di unirsi a loro nel 2014, dice Franck Mermier, direttore della ricerca al CNRS.” Questa alleanza era puramente ciclica perché condividevano in quel momento gli stessi obiettivi: il sequestro del potere a Sana’a e spingere il presidente Hadi, eletto nel 2012, a dimettersi “.

Oggi questa coalizione non regge più per molte ragioni: “Gli Houthi occupavano tutti gli spazi del potere e monopolizzavano le funzioni principali, in particolare all’interno dell’esercito, un grande partito rimasto fedele al Presidente Saleh “, aggiunge lo specialista della regione.

Cosa spera l’ex presidente raggiungendo l’Arabia Saudita?

“Spera di uscire dal gioco e vede che questa guerra è catastrofica”, ha detto il ricercatore Franck Mermier, una scelta puramente strategica dell’ex presidente Saleh, aggiunge l’islamologo. anni di conflitto, sembra voler prendere un’opzione sul futuro al fine di condividere il potere per possibili negoziati “.

Significa la fine della guerra?

Questo turnaround è “chiaramente un momento decisivo [nel conflitto in Yemen] ma ciò non significa la fine della guerra”, ha detto il giornalista saudita Afrah Nasser. Se i miliziani Houthi sono ora isolati, costituiscono “una forza significativa”, ha detto l’islamologo Franck Mermier. Dal suo insediamento nel marzo 2015, il gruppo sciita ha catturato gran parte degli arsenali dell’esercito e ha anche preso parte al comando di alcune unità. Controlla la regione settentrionale di Saada e la capitale. Ad Amran, a 50 chilometri dalla capitale, i fedeli dell’ex presidente Saleh sono stati costretti a smettere di combattere.

La rottura di questo campo ribelle dovrebbe tuttavia cambiare l’equilibrio del potere. Per la prima volta, nella notte tra sabato 2 e domenica 3 dicembre, la coalizione saudita è venuta a sostenere le forze dell’ex presidente Saleh, che ha combattuto per cinque giorni la milizia filo-iraniana a Sanaa bombardando le posizioni di Houthi.

Dopo tre anni di guerra e bombardamenti, il divorzio è a favore di Riad, che potrebbe prendere in considerazione la possibilità di rimuovere il blocco, per consentire un afflusso di aiuti umanitari nel paese, affermano gli esperti della regione. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che il conflitto abbia, dopo l’intervento della coalizione militare araba nel marzo 2015, più di 8.750 morti e 50.600 feriti, tra cui molti civili.

Inoltre, i sauditi vogliono davvero uscire dalla crisi senza perdere la faccia. “Stanno sprecando miliardi di dollari nelle loro offerte di armi per combattere una guerra impossibile”, ha detto Afrah Nasser.

Chi controlla Sana’a oggi?

La situazione è molto confusa sul terreno: i combattimenti sono molto intensi questi ultimi giorni nella capitale e circolano informazioni contraddittorie sui progressi di entrambi i campi. “A 50 km da Sanaa, le tribù fedeli all’ex presidente Saleh stanno combattendo contro gli Houthi”, dice Franck Mermier che parla di “guerra generalizzata” tra i ribelli.

Il combattimento che dura da cinque giorni ha lasciato decine di morti, riferisce il Comitato Internazionale della Croce Rossa sul posto in un tweet datato domenica 3 dicembre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...