Yemen: dalla guerra civile alla morte di Ali Abdullah Saleh

da  aj-logo-lg  5.12.17

 

Al potere per 33 anni, Saleh nel 1978 era diventato il presidente di quello che allora era il Nord Yemen, prima di guidare il paese dopo la sua unificazione nel 1990.

Eppure, nel 2011, molti ritenevano che la lunga permanenza di Saleh servisse solo ai suoi interessi e richiedesse un cambiamento.

Centinaia di migliaia di yemeniti hanno riempito le strade nei primi due mesi del 2011, protestando contro la povertà e la disoccupazione. Con il passare delle settimane, le chiamate dei manifestanti hanno intensificato le richieste di riforme del governo per cercare la rimozione di Saleh, accusandolo di gestire male l’economia e la corruzione.

Fu un periodo di grandi sconvolgimenti economici. L’inflazione stava aumentando, così come la disoccupazione. Il denaro proveniente dalle riserve di petrolio in declino del paese era stato sprecato o rubato – secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2015, Saleh aveva accumulato una vasta fortuna del valore di 60 miliardi di dollari per corruzione, estorsione e appropriazione indebita.

Per rimanere a galla, lo Yemen faceva affidamento sugli aiuti statunitensi e sull’assistenza dei paesi limitrofi.

Sanaa protesta

All’inizio del 2011, le manifestazioni guidate dagli studenti nella capitale, Sanaa, si sono rapidamente diffuse in altre città, tra cui Aden e Taiz.

Le proteste hanno provocato una brutale repressione che ha provocato l’uccisione di almeno 50 persone.

Le morti causarono una protesta pubblica, innescando le dimissioni di massa dei ministri del governo e dei funzionari militari di alto rango. Saleh, che in precedenza aveva respinto una proposta dei gruppi di opposizione che lo vedevano lasciare il potere pacificamente, ha indicato a marzo che aveva intenzione di dimettersi.

Eppure, un mese dopo, il presidente ha cambiato atteggiamento, rifugiandosi per firmare un accordo interrelato con il Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC), che ha chiesto la sua immunità e l’opposizione di unirsi a una coalizione con il suo partito al governo.

Mentre l’opposizione sosteneva l’accordo, dopo un periodo di esitazione, Saleh si rifiutò di firmarlo in tre diverse occasioni, innescando disordini.

Transizione politica fallita

Alla fine, le proteste costrinsero Saleh a cedere il potere al suo vice, Abedrabbo Mansour Hadi, per un periodo di due anni come parte dell’accordo transitorio del GCC.

Eppure la transizione politica era tutt’altro che lenta in un paese colpito dalla disoccupazione di massa, dall’insicurezza alimentare, dagli attentati suicidi e da un fiorente movimento separatista nel sud.

All’inizio del 2012, Hadi è stato l’unico candidato nella campagna presidenziale dello Yemen, boicottata dai gruppi di opposizione, tra cui gli sciiti Houthis e il separatista Movimento meridionale.

Tuttavia, con un’affluenza al voto del 65 percento, Hadi è diventato presidente in un’elezione referendaria che è stata sostenuta dalla comunità internazionale.

Il nuovo presidente, tuttavia, ha lottato per imporre la sua autorità.

Quando si formarono nuove alleanze, i ribelli Houthi e i sostenitori di Saleh, che in precedenza erano in disaccordo, si unirono per combattere le forze fedeli al governo di Hadi.

Nel settembre 2014, gli Houthi sostenuti dall’Iran hanno conquistato la capitale dello Yemen, Sanaa. All’inizio del 2015, i ribelli hanno cercato di conquistare l’intero paese, costringendo infine Hadi a fuggire in Arabia Saudita, dove è stato da allora.

La coalizione guidata dai sauditi

L’Arabia Saudita considerava gli Houthi una minaccia e un rappresentante dell’Iran. Li ha etichettati come un’organizzazione “terrorista”, tra le paure la situazione nello Yemen potrebbe essere un’opportunità per Teheran di prendere piede sul confine del regno.

L’Iran ha negato qualsiasi coinvolgimento, ma ciò non ha impedito alla Arabia Saudita di formare un’alleanza militare di 10 paesi per colpire gli Houthi. Nel marzo 2015, la coalizione guidata dai sauditi ha iniziato la sua campagna aerea, nome in codice Operation Decisive Storm.

Secondo l’Arabia Saudita, la coalizione mirava a “passare dalle operazioni militari al processo politico” al fine di ripristinare il governo di Hadi. Tuttavia, finora non ha avuto successo nel sud del paese e Sanaa fuori dal controllo di Houthis.

Inizialmente, le nazioni partecipanti alla coalizione guidata dai sauditi comprendevano anche il Kuwait, il Bahrein, il Qatar, la Giordania, gli Emirati Arabi Uniti (EAU), l’Egitto, il Marocco, il Senegal e il Sudan.

Il Qatar è stato espulso dalla coalizione nel giugno 2017, dopo che l’Arabia Saudita, il Bahrain, gli Emirati Arabi Uniti e l’Egitto hanno imposto un blocco di terra, navale e aereo sul paese, accusandolo di sostenere il “terrorismo”.

Gli Stati Uniti hanno appoggiato la coalizione ma non si sono uniti all’azione militare diretta. Il ruolo di Washington era focalizzato sulla fornitura di supporto logistico e di intelligence per la campagna aerea della coalizione.

Nel frattempo, i combattenti di al Qaeda nella penisola arabica (AQAP) e gli stati islamici dell’Iraq e del Levante (ISIL, noto anche come ISIS) hanno approfittato del caos afferrando parti del sud e facendo un passo i loro attacchi ad Aden, la seconda città dello Yemen controllata dal governo.

Crisi umanitaria più brillante

Trentatre mesi dopo, una combinazione di raid aerei guidati dai sauditi, un assedio navale e di terra, e i combattimenti sul campo hanno devastato lo Yemen, trasformandolo nel mondo la più grande crisi umanitaria con i civili che hanno sopportato il peso della guerra. Secondo le Nazioni Unite, almeno 10.000 persone sono state uccise finora.

Un milione di yemeniti si trovano di fronte alla carestia e 18,8 milioni di persone hanno bisogno di una qualche forma di assistenza umanitaria. I prezzi del gas da cucina sono aumentati, mentre la medicina e il carburante scarseggiano. Secondo il Comitato internazionale della Croce Rossa (ICRC), 2,5 milioni di persone non hanno accesso all’acqua pulita e uno su 12 è gravemente malnutrito. La guerra ha anche sfollato 3,3 milioni di persone sin dal suo inizio.

Per gli alleati contro i nemici

Con nessuna delle due parti che ha compiuto progressi significativi sul campo di battaglia, la situazione nello Yemen è rimasta bloccata.

Ma l’alleanza tattica tra Saleh e gli Houthi ha iniziato di recente a scheggiarsi, entrambi molto sospettosi dei motivi dell’altro, ma uniti dalla lotta contro la coalizione filo-Hadi guidata dai sauditi. Una settimana fa, quella fragile alleanza si concluse, con Houthi e i fedelissimi di Saleh si rivoltano l’uno contro l’altro – non per la prima volta.

Durante la sua presidenza, Saleh era uno stretto alleato dei sauditi e combattuto gli Houthi diverse volte. Conosciuto per le sue manovre politiche machiavelliche, una volta aveva descritto come governare lo Yemen come “ballare sulla testa dei serpenti”.

Sabato, Saleh ha dichiarato pubblicamente di essere disposto a impegnarsi in colloqui con l’Arabia Saudita se questi ultimi fermassero i combattimenti e finissero blocco.

Apriremo una nuova pagina per loro, un nuovo dialogo, quello che sta accadendo in Yemen in modo abbastanza”, ha detto, “facciamo voto ai nostri fratelli e vicini di casa che, dopo un cessate il fuoco, il blocco verrà rimosso… terremo il dialogo direttamente attraverso l’autorità legittima rappresentata dal nostro parlamento”.

Una dichiarazione degli Houthi ha descritto le azioni di Saleh come “un colpo di stato contro la nostra alleanza e partnership … e esposto l’inganno di coloro che sostengono di opporsi all’aggressione” di un ex presidente lunedì, la presenza lunga e dominante di Saleh negli affari yemeniti arrivò e finì dopo essere stato ucciso vicino a Sanaa.

La morte di un ex presidente

Fonti di Houthi hanno detto che Saleh è stato ucciso dai ribelli con una granata lanciata da un razzo e sparando all’attacco della sua auto. Gli analisti ritengono che la morte di Saleh probabilmente sconvolgerà lo stallo politico nello Yemen, forse gettando il paese in ulteriore caos.

“Lo Yemen che siamo sperimentare oggi non è lo Yemen di ieri, e la domanda rimane se lo Yemen di domani assomigli allo Yemen di oggi”, ha detto ad Al Jazeera l’analista Adam Baron lunedì, dopo che è scoppiata la notizia della morte di Saleh.

“L’unica cosa che veramente so che le cose sono cambiate e sono cambiate irrevocabilmente “, ha aggiunto.”Saleh non era solo un attore in questo conflitto, era qualcuno che efficacemente, nel bene e nel male, ha costruito lo Yemen moderno a sua immagine e centrato intorno a lui come leader.

“Così ora che è stato rimosso, penso che in molti modi tutte le scommesse siano state annullate.”

Credits AP

Categorie Senza categoria, YemenTag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close