Libia

La Turchia invia a Serraj armi e mercenari dell’Isis

di Marco Marano

Imboscati in una nave che ufficialmente trasportava un grande numero di armi, i mercenari dell’Isis, sdoganati dalla Turchia, entrano nello scenario libico al fianco della comunità internazionale che sostiene Serraj.

Bologna, 22 maggio 2019La Turchia entra in campo al fianco del Governo di Accordo Nazionale (GNA) guidato da Serraj, il leder sostenuto dall’Onu e da alcuni paesi occidentali. La guerra, che da un paio di mesi il generale Haftar, appoggiato da Francia ed Egitto, ha dichiarato a Tripoli, per impossessarsi delle riserve petrolifere, imponendo la sua figura come referente per gli accordi internazionali, sta quindi trasformando sempre di più le logiche del conflitto civile.

Se fino ad adesso i raid aerei hanno rappresentato il principale ambito della guerra, nuovi assetti dall’una e dall’altra parte, rendono più aggressiva la guerra sul terreno, preannunciando un bagno di sangue. Anche perché sul campo non ci sono veri eserciti ma bande armate che non hanno background militare dal punto di vista strategico.

La visione della guerra civile libica

libia-sabratha-tripoli-sirte-africa-mena-benghasi-tobruk-GNA-sarraj-haftar-tobruk-cirenaica-sicurezza-elezioni-terrorismo-migranti-784x348La notizia che stravolge la visione di questa guerra vede l’intervento della Turchia a sostegno di Serraj, che, ricordiamo, ha anche l’appoggio di vari clan territoriali islamici, con la benedizione della Fratellanza musulmana. Il sultano Erdogan, alleato della Fratellanza, ha messo in mare la nave Amazon Giurgiulesti, battente bandiera moldava, che è salpata dal porto di Samsun, sbarcando a Tripoli nello scorso fine settimana. Gli strumenti della guerra che la Turchia ha inviato sono armamenti di nuova generazione: dai veicoli corazzati alle casse di munizioni,  dalla fornitura di missili anti-aereo Stinger a quella di missili anti-carro, per finire con una massiccia quantità di droni. Gli armamenti sono stati consegnati alle bande legate al Governo di Accordo Nazionale, per innescare, appunto, un salto di qualità.

Quel sapore grottesco dei terroristi che combattono per l’occidente

1558380910965.png--arrivano_le_armi_straniere__non_realizziamo_il_disastro_che_e_la_libiaMa la notizia dei “rifornimenti” turchi a Serraj non è la sola a conferire una nuova visione a questa guerra. Poiché dentro la nave Amazon c’erano anche parecchi mercenari dell’Isis, sdoganati nell’ultimo anno da Erdogan, dopo essere stati inviati in Siria e Iraq. Che i rapporti tra Erdogan e Daesh siano sempre stati molto stretti, questa ormai è storia. Ma farli intervenire nella guerra libica, al fianco di un governo appoggiato da gran parte della comunità internazionale, che ha individuato nell’Isis il nemico da combattere, ha davvero un sapore grottesco.

In questa direzione sarebbe spiegabile il motivo per cui l’Isis, in Libia, si sta scontrando proprio contro Haftar ed il suo LNA, portatore di istanze laiche. Daesh continua a spingersi a nord. Negli ultimi giorni, risalendo fino alla costa, i suoi affiliati hanno attaccato un check-point di Bengasi uccidendo tre soldati di Haftar.

A rendere nota la notizia è stato il portale kurdo di informazione ANHA. Sembra una sorta di guerra mediatica poiché altri organi d’informazione hanno dato la notizia del carico di armi, che era stato comunque annunciato, e di questi mercenari, di cui però non si conosce il numero, segnalando che si parla di entità misteriose di soldati

Il mistero è stato svelato durante una conferenza stampa del colonnello Abu Bakr al-Badri, ufficiale delle forze navali dell’Esercito Nazionale Libico (LNA). Il carico di armi era solo un diversivo per coprire i mercenari dell’Isis presenti dentro la Amazon, necessari per difendere Tripoli dagli attacchi del generale Haftar.

Fonti: Difesa e Sicurezza, ANHA NEWS.

Immagine in evidenza: ANHA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.