Indignazione e tristezza per l’omicidio di Marielle Franco

Tratto da logo15 marzo 2018

L’omicidio di questa notte della Consigliera del Municipio di Rio de Janeiro, ha destato molto scalpore, anche perché i suoi principali nemici erano nel cosiddetto “battaglione della morte”, la squadra d’élite della polizia locale.

maxresdefault

La consigliera Marielle Franco è stata uccisa a colpi di pistola nel centro di Rio de Janeiro, insieme con lei c’erano il suo autista Peter Anderson Gomes, che è stato ucciso, e un aiutante, Fernanda Chaves, che è sopravvissuto ed è stato ricoverato in ospedale con ferite da schegge. Fonti della polizia dicono che tutte le prove fino ad oggi indicano che il crimine non è una rapina.

Informazioni da fonti della polizia riferiscono che gli assassini hanno affiancato il veicolo dove è stata uccisa la donna. Poi sono fuggiti senza prendere nulla. Sabato scorso, Marielle ha inserito un post su Twitter lamentando l’azione del 41° battaglione di polizia noto come il Battaglione della Morte.

Domenica scorsa Marielle aveva denunciato un’azione PM del 41st BPM (Irajá) nella Favela di Acari. Secondo lei, i residenti si sono lamentati della violenza della polizia mentre si avvicinavano ai residenti. Ha condiviso una pubblicazione commentando che i ragazzi sono stati gettati in un vallone. Secondo i residenti, sabato scorso i PM hanno invaso le case, fotografato le loro identità e terrorizzato la gente intorno.

Marielle è stato il quinto più votato consigliere di Rio  alle elezioni del 2016 con 46,502 voti.  Laureata in Sociologia, con un Master in Pubblica Amministrazione dalla Universidade Federal Fluminense (UFF), con una tesi di master dal titolo “UPP:. Riducendo lo slum di tre lettere”

Marielle Franco

Ha lavorato in organizzazioni della società civile come la Fondazione Brasil e il Centro per le azioni solidali di Maré (Ceasm). Ha coordinato la Commissione per la difesa dei diritti umani e la cittadinanza dell’Assemblea legislativa di Rio de Janeiro (Alerj), insieme a Marcelo Freixo.

L’omicidio della consigliera  Marielle Franco (PSOL-RJ) avvenuto nella notte di mercoledì 14  ha provocato reazioni oltraggiose e molta tristezza. Parlamentari e leader politici hanno dimostrato attraverso i social network. La consigliera, il cui lavoro è stato caratterizzato dalla difesa dei diritti umani e contro gli abusi della polizia, è stata messa a morte nel centro di Rio de Janeiro dopo aver partecipato a una serie di colloqui chiamati Black Women Moving Structures.

“Estremamente scioccato”, ha detto di essere il membro del Congresso Jandira Feghali (PCdoB-RJ) dopo aver appreso dell’omicidio della consigliera Franco Marielle.

Il PSOL (Partito Socialismo e Libertà), l’organizzazione di cui era militante la vittima, ha pubblicato una nota sull’accaduto per esprimere il proprio dolore per l’assassinio della consigliera Franco Marielle: “Siamo accanto ai familiari, amici, consulenti e dirigenti di partito del PSOL/RJ”. Il ruolo di Marielle come consigliere e attivista dei diritti umani rappresenta una punta di orgoglio per tutto il partito e sarà ricordata nella continuità per le sue lotte.

vereadora-do-psol-marielle-franco-e-morta-a-tiros-no-centro-do-rio

Il comitato municipale del PCdoB di Rio de Janeiro (Partito comunista brasiliano) ha anche rilasciato una nota in cui si afferma che “la morte di Marielle Franco rende tutti costernati. Una giovane donna, consigliera comunale, combattente dei diritti umani, in difesa dei giovani e delle donne”. Era, infatti, presidente della commissione per i diritti delle donne nel Consiglio comunale di Rio.

“Il partito sottolinea che la giovane parlamentare femminista stava denunciando la violenza della polizia nelle comunità di Rio de Janeiro. Per i comunisti di Rio Mariele lascia un esempio di lotta e serve da ispirazione, dimostrando che le sue idee non moriranno”. 

La direzione comunista chiede “un’indagine rigorosa, che scopra e punisca gli esecutori. Non sia semplicemente un caso in più della violenza quotidiana che devasta la città “.

Il presidente del PT (Partito dei Lavoratori) ha anche espresso “profondo rammarico per la tragedia che ha avuto luogo stasera con la consigliera Marielle. “Se ne è andata troppo presto e lascia un’eredità, oltre a un futuro di lotte, a favore del popolo, per una società giusta ed egualitaria”. Dichiara inoltre che “è necessario che le forze di sicurezza siano rapide ed efficienti nell’accertare le circostanze di questo crimine che ha esaltato tutti noi”.

29197251_1980379511992227_3786280251454128128_nIl deputato federale Chico Alencar (PSOL-RJ) ha affermato che il crimine ha le caratteristiche di una esecuzione: “E ‘scioccante, tragico, assurdo e non può essere uno di quegli omicidi del 90% che non vengono registrati“, ha detto il deputato.

I lavoratori del Movimento senza terra (MST) hanno anche espresso “profondo dolore per l’assassinio della nostra compagna del PSOL Marielle Franco, e dell’uomo che l’accompagnava.” La nota afferma inoltre che “Marielle, un’amica del MST e un attivista di spicco nella difesa dei diritti umani e dell’uguaglianza sociale, lascia un’eredità di lotte a favore della classe lavoratrice. Il MST richiede anche una indagine rapida per evitare che l’impunità prevalga.

Categorie BrasileTag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close