Israele Palestina

Hamas: la decisione degli Stati Uniti su Gerusalemme è una dichiarazione di guerra

Il leader di Hamas, Ismail Haniya, ha affermato che la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele è una "dichiarazione di guerra contro i palestinesi" e ha chiesto una nuova "Intifada", o rivolta.

Da    aj-logo-lg   7 dicembre 2017

Il leader di Hamas, Ismail Haniya, ha affermato che la decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele è una “dichiarazione di guerra contro i palestinesi” e ha chiesto una nuova “Intifada”, o rivolta.

Haniya ha detto in un discorso a Gaza City che il riconoscimento del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha “ucciso” il processo di pace israelo-palestinese.

“Questa decisione ha ucciso il processo di pace, ha ucciso l’accordo di Oslo, ha ucciso il processo di risoluzione”.

“La decisione degli Stati Uniti è un’aggressione, una dichiarazione di guerra contro di noi, sui migliori santuari musulmani e cristiani nel cuore della Palestina, a Gerusalemme”.

Dovremmo lavorare sul lancio di un’intifada di fronte al nemico sionista“, ha detto Haniya.

Ha sottolineato il fatto che i palestinesi vedono Gerusalemme come unita e la capitale del loro futuro stato.

“Gerusalemme, tutta Gerusalemme, è nostra”.

“Siamo qui oggi in un punto critico nella storia della questione palestinese e il nocciolo della questione è Gerusalemme, un punto critico nella storia delle nazioni arabe e musulmane in seguito alla decisione provocatoria, la decisione ingiusta adottata dall’amministrazione statunitense “.

Ha invitato tutte le fazioni palestinesi a unirsi rapidamente “per avere la strategia per affrontare l’occupazione e le politiche dell’amministrazione statunitense all’interno dei territori palestinesi”.

“Esortiamo, chiediamo e sottolineiamo la necessità di riorganizzare la situazione palestinese per affrontare questo pericoloso complotto e di mettere chiaramente le nostre priorità in questa decisione provocatoria, in una decisione ingiusta”, ha affermato.

Ignorare gli avvertimenti

Trump, ignorando gli avvertimenti della comunità internazionale, ha annunciato mercoledì che gli Stati Uniti riconoscono formalmente Gerusalemme come capitale di Israele e inizieranno il processo di trasferimento della propria ambasciata in città, rompendo con decenni di politica statunitense.

Giovedì, Mustafa Barghouti, segretario generale dell’Iniziativa nazionale palestinese, parlando ad Al Jazeera da Ramallah, ha affermato che Trump “si unirà a Israele nei crimini di guerra e nel confermare l’annessione dei territori palestinesi occupati“.

“Spero che l’Autorità palestinese non accetterà più di incontrare questa squadra americana”, ha detto.

“Israele ha deciso che vuole tutto, vogliono tutto? Bene, lotteremo anche per tutto”.

“Potremmo parlare di una rivolta popolare diffusa ma nonviolenta, simile alla prima intifada: è quello di cui abbiamo bisogno: gli israeliani dovrebbero vedere la resistenza palestinese ovunque”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...