Palestina

Centinaia di palestinesi sfollati dalle loro case vicine al muro

di Marco Marano

All’alba di oggi i soldati israeliani hanno iniziato a demolire gli edifici adiacenti il muro di separazione in un villaggio sotto la tutela dell’Autorità palestinese, secondo gli accordi di Oslo.

Un bulldozer dell'esercito israeliano demolisce un edificio nel villaggio palestinese di Sur Baher nella Gerusalemme Est occupata _Abed al-Hashlamoun _EPABologna, 22 luglio 2019 – Una operazione in grande stile, denominata dai palestinesi “Land Grab”, quella avviata questa mattina, subito dopo l’alba, da centinaia di soldati israeliani, che con esplosivi e bulldozer hanno iniziato la demolizione di alcuni di quei 16 edifici residenziali, nel quartiere di Wadi al-Hummus, presso il villaggio palestinese di Sur Baher, posizionato tra Gerusalemme Est e la Cisgiordania occupate da Israele nel 1967. Edifici che sono, secondo gli accordi di Oslo del 1993, sotto il controllo dell’Autorità palestinese.

Le motivazioni ufficiali della Corte Suprema israeliana, sono state fatte rientrare all’interno di dinamiche inventate e arbitrarie: gli edifici avrebbero violato il divieto di edificabilità, inoltre potrebbero “fornire copertura per gli aggressori”, dato che si trovano adiacenti al muro di 750 chilometri che lo stato ebraico si aggiunge ad ultimare.

Uno sfollamento di massa

Le squadre di lavoro israeliane hanno iniziato a demolire dozzine di case palestinesi_Mahmoud Illean _AP PhotoNella realtà, se ci rifacciamo ai trattati internazionali, da cinquant’anni stralciati dai governi israeliani che si sono succeduti, gli unici titolari della gestione dei territori occupati arbitrariamente, sono proprio i palestinesi, che dalla loro Autorità hanno ricevuto i permessi di costruzione.

L’Autorità palestinese accusa Israele di utilizzare la sicurezza per costringere gli abitanti palestinesi ad andare via da quel territorio, al fine di espandere gli insediamenti dei coloni ebraici: cosa assolutamente illegale. Il presidente del comitato di quartiere, Ali al-Obeidi, ha dichiarato all’agenzia locale Maan: “Quello che sta accadendo oggi è uno sfollamento di massa delle persone che vivono a Wadi al-Hummus, nonostante il tentativo legale e diplomatico di proteggere le loro proprietà”.

Quei palestinesi sfollati mentre dormivano

Soldati israeliani depositano esplosivi per demolire un edificio a Sur Baher_a Gerusalemme Est _Abed Al Hashlamoun _EPASarebbero quasi 400 persone a rischiare di perdere la loro casa, costruita con grandi sforzi e tanta speranza nel futuro. Speranze svanite alle prime luci dell’alba, quando i soldati israeliani hanno tagliato il recinto adiacente al villaggio, indirizzandosi come primo obiettivo verso un edificio a più piani non ancora ultimato. Le azioni dei militari si sono svolte contemporaneamente, per cui dalle due del mattino hanno sfollato con la forza chi dormiva dentro le proprie abitazioni per buttarle in strada, piantando esplosivi negli edifici individuati.

L’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), ha denunciato la manovra sconsiderata della Corte suprema israeliana, “Puntano a stabilire un precedente che consenta alle forze di occupazione israeliane di demolire numerosi edifici palestinesi situati nelle immediate vicinanze al muro”.

Le parole di circostanza

Per il resto, la comunità internazionale tace, a parte le solite parole di circostanza ormai facile canovaccio di chi lascia fare. L’affermazione della legalità internazionale, come sempre, risulta essere a variabili alternate, a seconda degli interessi in campo…

FONTE Al Jazeera

Immagine in evidenza Reuters

Credit AP, EPA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: