Siria

The Guardian – Questione kurdo siriana: forza di confine necessaria per proteggerci dalla Turchia

Ilham Ahmed dice che i curdi vogliono gli alleati della coalizione anti-Isis al confine per assicurare che la Turchia non li attacchi.

Patrick Wintour Redattore diplomatico

Mar 19 Feb 2019 

3263

 

Il co-presidente del Consiglio democratico siriano, Ilham Ahmed, sta attualmente conducendo una delegazione curda a Washington DC, Parigi e Londra. Fotografia: Hussein Malla / AP

 

 

La leader dei curdi siriani ha chiesto che una piccola forza di osservatori internazionali sia di stanza sul confine tra Turchia e Siria per proteggere i curdi da quella che lei definisce la minaccia di crimini contro l’umanità commessi dalle forze turche.

Ilham Ahmed è co-presidente del Consiglio democratico siriano – il braccio politico delle forze democratiche siriane sostenute dagli Stati Uniti e curde (SDF) , che sono state responsabili della liberazione di gran parte della Siria nord-orientale dallo Stato islamico.

Descritto come una delle donne più potenti della Siria , Ahmed guida una delegazione curda in tournée a Washington, Parigi e Londra per convincere i paesi occidentali a non tradire i kurdi lasciandoli esposti alla minaccia di un attacco turco.

Ahmed ha detto che un ultimo assalto da parte di SDF dell’ultima Isidefinirebbe in pochi giorni. I piani che richiedono “tempo e pazienza” sono stati elaborati per sradicare le cellule dormienti, ha detto.

Stava parlando sulla scia dell’annuncio scioccante di Donald Trump che 2.000 soldati americani lasceranno la Siria nord-occidentale sulla base della sconfitta dell’Isis.

3126

(Le truppe statunitensi stavano sostenendo combattenti curdi contro Iside nel nord della Siria. Fotografia: Delil Souleiman / AFP / Getty Images)

Ankara vede le forze curde in Siria come una minaccia terroristica e un’estensione del movimento separatista curdo all’interno dei confini della Turchia.

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan , ha ripetutamente avvertito l’America che l’operazione militare turca contro le Unità di protezione del popolo curdo (YPG) sostenute dagli Stati Uniti a Manbij è vicina. “La nostra pazienza non è illimitata, ha detto durante il fine settimana. “Se i terroristi non verranno rimossi da Manbij entro poche settimane, il nostro periodo di attesa finirà.”

Ahmed ha detto: “Dopo tutto quello che è successo, se c’è un attacco, considereremo coloro che rimangono in silenzio di fronte a quelle minacce come colpevoli di crimini contro l’umanità.

“Non solo non ci sarà più alcuna fiducia nelle forze della coalizione che abbiamo combattuto a fianco e che la loro credibilità sarà andata perduta per sempre. Significherà l’emergere di guerre molto grandi in quest’area.

“Qualsiasi tentativo da parte dello stato turco di stabilire una zona di sicurezza nel nord della Siria sarà un’occupazione, e non importa che lo stato turco voglia convincere gli altri che sarà una forza per la calma nella regione, questo non è quello che sarà accadere.

La Turchia bombarda la città di Afrin sotto controllo curdo nel nord della Siria

“L’abbiamo visto ad Afrin l’anno scorso mentre cercavano di cancellare la nostra cultura e rimuovere le persone dalle loro case. Enormi massacri sono stati commessi dai turchi. Un ulteriore attacco porterà solo più guerra, dislocamento, occupazione e un tentativo di distruggere la nostra cultura “.

Una forza di protezione internazionale fornirebbe una difesa aerea, ha detto, ma “vorremmo vedere una potenza internazionale al confine come osservatori per garantire che la Turchia non attacchi”.

La forza sarebbe composta da “stati che hanno partecipato attivamente alla guerra contro l’IS, e anche l’ONU dovrebbe svolgere un ruolo”, ha detto. Ha aggiunto che le discussioni continuano ora sulla dimensione e composizione della forza, ma potrebbe essere un numero simbolico.

Ha anche detto che i curdi sono disposti a mettere i combattenti stranieri sotto processo nella Siria curda se ricevessero un importante sostegno internazionale sulle procedure legali. “Sarebbe meglio se fossero processati nei loro paesi”, ha aggiunto.

Ha detto che da 800 a 900 combattenti stranieri dell’Isis sono attualmente detenuti in carcere dai curdi e circa 4000 mogli e bambini nei campi profughi. Ha detto: “Non abbiamo detto che lasceremo andare i combattenti, ma se i turchi attaccano allora è vero che combatteremo per la nostra stessa esistenza ed è possibile che potremmo non essere in grado di tenerli sotto controllo e che potrebbero tornare verso l’Europa. Questo è anche in gioco quando parliamo di un attacco dello stato turco “.

Ahmed ha negato che i curdi stessero discutendo attivamente di formare un’alleanza di sicurezza di comodo con il presidente siriano Bashar al-Assad, se l’Occidente avesse deciso che non poteva proteggere i curdi da un assalto turco.

“Il regime non ha mostrato segni di interesse per un dialogo significativo con noi sul futuro della Siria”, ha detto.

Qualsiasi dialogo di questo tipo richiederebbe un cambiamento da parte del regime, incluso l’accordo su una soluzione politica sul futuro di una Siria federata e unificata .

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: