Yemen

Guerra dello Yemen: 85.000 bambini morti di fame

L’ultimo rapporto di Save The Children, conteggia il numero dei bambini morti per fame, mentre forse si avvicina la fine del conflitto.

di Marco Marano

BolognaMentre la guerra in Yemen entra nel suo quarto anno i bambini stanno affrontando una crisi enorme. La volatile guerra civile, che si svolge nel mezzo della crescente povertà, sta causando la peggiore emergenza umanitaria del mondo. Mentre il conflitto infuria, i bisogni dei bambini vulnerabili continuano a crescere. Oltre 22 milioni di persone – tre su quattro – hanno urgente bisogno di assistenza per la salvezza, tra cui oltre 11 milioni di bambini”.

Forse a breve i colloqui di pace

yEMEN_ AFP_Getty ImagesE’ così che esordisce il rapporto sulla situazione in Yemen a pochi giorni dalle dichiarazioni di una delle parti in guerra, la milizia sciita degli Houthi, appoggiata dall’Iran, che combatte direttamente contro l’Arabia Saudita, nella guerra civile in corso dal 2015: non più missili e droni contro le milizie avverse e soprattutto contro il territorio dell’Arabia Saudita.

L’inviato dell’ONU in Yemen ha mediato sull’organizzazione dei colloqui di pace a fine mese, dopo che una bozza di risoluzione che chiede l’immediato cessate il fuoco è stata presentata lunedì presso il Consiglio di Sicurezza, anche se non è stata individuata una data per votare questa risoluzione.

Un disastro annunciato e inascoltato

2018-08-24-01-00-52-5104

85.000 bambini sotto i cinque anni morti di fame dall’inizio della guerra è una stima approssimativa, nel contesto di un numero complessivo di 1,3 milioni di bambini uccisi durante il conflitto tra i ribelli Houthi e la coalizione guidata dai sauditi che cerca di ripristinare il governo in esilio dello Yemen.

Una “stima prudente”, segnala Save The Children, in mezzo ad altri numeri da brivido: 14 milioni di persone, circa metà della popolazione, a rischio carestia, a causa dei blocchi di cibo, carburante, aiuti e beni commerciali alla frontiera saudita, per colpire i miliziani Houthi, infischiandosene di mettere a repentaglio gran parte della popolazione.

Il silenzio di Italia e Germania venditori di morte

32f70328-197e-45d7-a73e-c22a2d89e294_largeMa questa situazione di emergenza umanitaria si è abbattuta, nel paese mediorientale più povero in assoluto, come una mannaia già dall’anno scorso, nel silenzio più totale di quei paesi come Germania e Italia che hanno continuato a vendere  bombe ai sauditi utilizzate per massacrare la popolazione, distruggere gli ospedali, le scuole i servizi pubblici in generale.

Il ritratto dell’inferno

301115-Yemen-guerra-20-1000x600

Bhanu Bhatnagar, è un portavoce di Save the Children, e così ha dichiarato al quotidiano The Guardian, spiegando cosa è diventato questo paese: “La violenza ha distrutto la produzione alimentare come ospedali e centri sanitari dove i malati e i deboli possono essere trattati (…) Le barriere per importare e distribuire forniture hanno gravemente limitato la quantità di cibo in entrata e in tutto il paese. E nei mercati in cui il cibo è effettivamente disponibile, la gente comune semplicemente non può permettersi di comprarlo poiché i salari non sono stati pagati da mesi e la valuta è crollata di valore “…

FONTI: Save The Children, The Guardian

Credits: AFP, Getty Images

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...