Diritti negati nel mondo Turchia

La corte turca ha annullato la sentenza per il rilascio di Taner Kilic

Un tribunale turco ha annullato la decisione di liberare il capo della sezione locale di Amnesty International dalla detenzione, ha detto il gruppo per i diritti umani, definendo la sentenza "una parodia di giustizia di proporzioni spettacolari".

Tratto da   aj-logo-lg   01.02.2018

Un tribunale turco ha annullato la decisione di liberare il capo della sezione locale di Amnesty International dalla detenzione, ha detto il gruppo per i diritti umani, definendo la sentenza “una parodia di giustizia di proporzioni spettacolari”.

Un tribunale di Istanbul ha approvato la richiesta dello Stato di giovedì per mantenere Taner Kilic, capo della Turchia di Amnesty International, in detenzione preventiva.

La decisione è arrivata dopo che un procuratore turco ha presentato un ricorso contro una precedente decisione della corte che ha ordinato la liberazione di Kilic.

“Nelle ultime 24 ore abbiamo testimoniato una parodia di giustizia di proporzioni spettacolari”, ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

Kilic è stato arrestato a giugno dello scorso anno e accusato di avere legami con il movimento Gulen, un gruppo che secondo la Turchia è il responsabile del tentativo di colpo di stato fallito nel luglio 2016. Sia Kilic che Amnesty International hanno negato le accuse.

“Avere ottenuto il rilascio solo per avere la porta della libertà così irrimediabilmente sbattuta in faccia è devastante sia per Taner, che per la sua famiglia e per tutti coloro che si battono per la giustizia in Turchia”, ha detto Shetty.

Kilic è stato trasferito da una prigione di Izmir, dove è stato detenuto dal suo arresto, alla custodia della gendarmeria turca, come sottolineato da Amnesty. La sua prossima udienza è prevista per il 21 giugno.

Andrew Gardner, consulente senior di Amnesty e ricercatore in Turchia, ha detto che la decisione è “devastante” per la famiglia di Kilic.

Il tribunale di Istanbul ha ora annullato il proprio verdetto di rilascio reso ieri. Taner resterà in custodia cautelare. Cosa (o chi) ha fatto loro farlo? Questo è devastante per la famiglia di Taner e una vergogna per la giustizia.

All’inizio di questa settimana, Hurriyet Daily News ha riferito che il padre di Kilic, l’ex capo della Corte costituzionale turca, ha detto di essere “profondamente rattristato” dalle accuse contro suo figlio, che ha liquidato come infondate.

Hasim Kilic: “E ‘interessante anche che accuse simili siano circolate da quando mi sono ritirato dall’ufficio, tutto questo ha lo scopo di diffamare me stesso e la mia famiglia”.

La Turchia ha arrestato migliaia di persone che ha legami con Fethullah Gulen, uno studioso musulmano turco che vive in esilio auto-imposto negli Stati Uniti. Decine di migliaia di dipendenti pubblici sono stati licenziati dai loro posti di lavoro.

Il governo dice che gli arresti e i licenziamenti mirano a rimuovere i sostenitori di Gulen dalle istituzioni statali.

I gruppi per i diritti umani hanno condannato duramente l’epurazione post-golpe dello stato.

Foto in evidenza: John MacDougall/AFP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...