Putin ordina il ritiro di una parte importante del contingente russo in Siria

da   download  11 dicembre 2017

Vladimir Putin ha ordinato lunedì il ritiro della maggior parte del contingente militare russo in Siria, durante una visita a sorpresa alla base di Hmeimim. Lanciato nel 2015, l’intervento militare russo mirava a sostenere le truppe del regime.

 

VIDEO DI FRANCE 24

 

I soldati russi, per la maggior parte, dovrebbero lasciare la Siria. Il presidente Vladimir Putin lunedì (11 dicembre) ha ordinato il ritiro della maggior parte del contingente militare russo dalla Siria durante una visita a sorpresa alla base di Hmeimim nel nord-ovest della Siria, ha annunciato il Cremlino. in una dichiarazione.

“In quasi due anni, le forze armate russe, in collaborazione con l’esercito siriano, hanno distrutto gran parte di terroristi internazionali. Pertanto, ho deciso di far tornare in Russia la maggior parte del contingente militare, ha detto Vladimir Putin, citato dall’agenzia di stampa russa Interfax.

Ospitato presso la base russa Hmeimim, dal leader siriano Bashar al-Assad, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e il capo delle forze russe in Siria, il generale Sergei Sourovikine, non hanno specificato quanti soldati russi sarebbero rimasti su invece.

“Il paese vi sta aspettando”

“Si torna vittoriosi nelle vostre case, i vostri cari, i genitori, le mogli, i figli, gli amici. Il paese, amici miei  vi attende”, ha detto, a Interfax.

“Se i terroristi alzeranno di nuovo la testa, li colpiremo con una forza mai vista prima”, ha avvertito. “Non dimenticheremo mai né i morti né le nostre perdite causate dalla lotta contro il terrorismo, in Siria ea casa, in Russia”.

Da parte sua, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato che elementi del contingente militare russo in Siria avevano già iniziato il loro ritorno in Russia, secondo l’agenzia di stampa russa RIA.

Giovedì, Mosca ha annunciato la “totale liberazione” del territorio siriano dalla morsa del gruppo dello Stato islamico (IS), sebbene l’organizzazione jihadista controlli ancora diverse sacche nel paese.

La Russia aveva già annunciato il 21 novembre la fine della “fase attiva dell’operazione militare” in Siria.

“Bisogna qualificare la dichiarazione del presidente russo, in quanto questo non è la prima volta che ha annunciato il disimpegno, che non ha impedito ai russi di impegnarsi ancora di più, soprattutto nella Siria orientale” ricorda al nostro reporter Wasim Nasr, specialista dell’area.

“Tuttavia, va ricordato che Putin ha incontrato il presidente siriano (…) sul posto, che lui stesso ha annunciato questa vittoria subito dopo l’annuncio del primo ministro iracheno della fine dell’Is in Iraq “, ha detto a  Francia 24. Dichiarazioni da prendere secondo lui con cautela, perché la IS è ancora presente in alcune aree a cavallo tra Siria e Iraq.

Lanciato nel 2015 , l’intervento militare russo in Siria ha cambiato la situazione permettendo alle forze governative di prendere  all’IS l’antica città di Palmyra e di cacciare i ribelli fuori dalla loro fortezza ad Aleppo, nel nord-ovest di paesi.

 

Notizia AFP/Credits Ansa

Categorie Russia, SiriaTag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close