Colombia

Dipartimento colombiano di Cordova: violenza e crisi umanitarie

La necessità di un’azione statale efficace diventa oggi un appello nazionale, date quelle che diverse voci descrivono come una situazione di violenza persistente e crisi umanitaria nel dipartimento di Córdoba nord.
Bogotá, 26 set (Prensa Latina) – Durante un’audizione pubblica sulla questione che si è svolta nel Congresso della Repubblica, sono stati sottolineati elementi come l’abbandono statale, la mancanza di presenza delle istituzioni, la proliferazione di gruppi armati e l’ingresso di società multinazionali.

Nel dipartimento abbiamo il numero vergognoso di 32 leader uccisi dalla firma (nel 2016) dell’Accordo di pace tra lo Stato e l’ex guerriglia FARC-EP, ha dichiarato José David Ortega, portavoce dell’Associazione degli agricoltori del sud di Córdoba.

Se abbiamo uno stato che non agisce, dobbiamo stare insieme di più. Dobbiamo pensare a potenti mobilitazioni, alleanze e solidarietà con le altre persone afflitte dagli stessi criminali, ha detto il senatore Feliciano Valencia, del movimento indigeno e sociale alternativo.

Quando queste denunce sono state portate alla riunione presso l’ufficio del difensore civico, esse sono state ignorate, dopodiché si sono verificati eventi che hanno messo a rischio le comunità.

La senatrice Aida Avella, presidente dell’Unione patriottica, ha sottolineato che a Cordova lo Stato non difende i contadini o le popolazioni indigene. C’è una crisi umanitaria per un nuovo ciclo di violenza…

Ai paramilitari  nel comune di Tierralta, devi chiedere il permesso per tutto. Dove sono le autorità civili e militari? Chi protegge i contadini? La violazione dei diritti umani è terribile, a sud di Córdoba, ha sottolineato la senatrice, si susseguono incendi domestici, omicidi di fronte a bambini, 

Dalla Commissione Giustizia e Pace è stato affermato:”Ci sono piani che il governo avrebbe dovuto attuare nel processo di sostituzione delle colture, tuttavia, queste conformità non sono fatte e hanno lasciato le comunità a rischio”.Nel frattempo, Victoria Sandino, senatrice del partito FARC, ha preso in considerazione la risposta del ministero della Giustizia che “minimizza i conflitti nel territorio e garantisce che le iniziative funzionali alla risoluzione dei conflitti siano sufficienti”.

Ci dichiariamo in crisi, le donne di Cordoba provano paura nella propria terra e molti vogliono abbandonare la leadership che abbiamo costruito. Tuttavia, scommettiamo sulla pace, perché siamo stanchi della guerra, ha affermato Yulieth Guzmán, rappresentante delle donne di quel territorio.

Rifiutiamo di credere che ci sia una confusione di memoria ad ogni cambio di governo, ma data l’indifferenza delle istituzioni, la crisi nel sud di Cordova non è nuova, ha detto Rafael Martínez, segretario del governo del comune di Puerto Libertador.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: