I sogni da viaggiatore di Yaser Murtaja

Tratto da     aj-logo-lg    7 aprile 2018

 

Descritto come un uomo con un sorriso contagioso, il reporter ucciso ha dedicato la sua vita a raccontare storie di residenti a Gaza.

Sotto una foto del porto di Gaza catturato dal suo drone, il giornalista Yaser Murtaja ha scritto le seguenti parole: “Spero che il giorno in cui potrò scattare questa immagine quando sarò in cielo anziché a terra verrà! Mi chiamo Yaser, Ho 30 anni, vivo a Gaza City e non ho mai viaggiato prima nella mia vita! “ Questa didascalia, che trasmette il sogno di viaggiare di Murtaja, è stata scritta il 24 marzo.

Due settimane dopo, il trentenne è stato ucciso dalle forze israeliane mentre copriva le proteste del secondo venerdì dopo altrettante settimane vicino al confine orientale della Striscia di Gaza.

Un cecchino israeliano a sparato a Murtaja all’addome, nonostante lui indossasse un giubbotto antiproiettile, chiaramente contrassegnato con la scritta “stampa” su di essa. È diventato il decimo palestinese ad essere ucciso dalle forze israeliane dopo essere stato colpito il 6 aprile.

Il sogno di volare

Il desiderio di Murtaja di viaggiare era un tema ricorrente nei suoi post sui social media. A febbraio, il suo sogno si è avverato quando è riuscito a lasciare la Striscia di Gaza attraverso il confine sud di Rafah. Tuttavia, dopo aver passato ore in una sala egiziana dall’altra parte della traversata, fu costretto a tornare nell’enclave assediata insieme a centinaia di altri viaggiatori.

In un post di Facebook che descrive gli eventi, Murtaja ha scritto: Per la prima volta in tutta la mia vita ieri sono riuscito a viaggiare, ma sono tornato oggi. Sono rimasto in una sala egiziana e volevo salire sull’aereo, ma come al solito si è è perpetrata l’umiliazione e l’oppressione della gente di Gaza, di cui ce n’è abbastanza per riempire un libro. Gli egiziani hanno respinto tre autobus di passeggeri, citando ragioni di sicurezza nel Sinai “.

In un’altra fotografia, Murtaja è visto tenere in mano un drone poco prima di decollare per catturare immagini della Striscia di Gaza. I suoi commenti su diverse foto scattate dai droni puntano tutti al suo sogno di volare o viaggiare – solo per una volta nella sua vita.

L’uomo con un sorriso contagioso

Marito e padre di un bambino, Murtaja ha dedicato la sua vita a raccontare cosa significa vivere a Gaza. Portando sempre con sé la sua macchina fotografica, ha cercato di narrare le storie dei palestinesi che avevano vissuto anni di blocco israeliano-egiziano e offensive israeliane sulla Striscia.

Era un rispettato cameraman per documentari, in particolare “Gaza: Surviving Shujayea” di Al Jazeera. Conosciuto in arabo come “Beesan”, il documentario prendeva il nome da una ragazzina estratta dalle macerie della sua casa durante l’offensiva israeliana nella Striscia di Gaza nell’estate 2014. La maggior parte della famiglia di Beesan fu uccisa e Murtaja, insieme ad un medico chiamato Alaa Abu Shu’eer, e strinse una stretta relazione con il bambino per aiutarla a superare il trauma. Nell’ultima sequenza del film, che è stata pubblicata nel 2016, Murtaja e Abu Shu’eer sono visti giocare con Beesan, portandola in pedalò e in una fiera del divertimento.

Le persone che lo conoscevano, inclusi residenti e colleghi di Gaza, descrivono Murtaja come l’uomo con un sorriso contagioso; i suoi account sui social media sono pieni di fotografie di lui con bambini raggianti feriti. Nei suoi ultimi momenti, il giornalista ucciso ha fotografato i manifestanti vicino al recinto di confine a est di Khan Younis. Dopo essere stato colpito, Murtaja è stato trasferito all’ospedale Nasser di Khan Younis. Le foto mostrano che veniva trasportato su una barella, in ospedale prima di subire un intervento chirurgico.

“Crimini contro i giornalisti palestinesi”

Suo fratello minore, Hamza, ha espresso il suo dolore sui social media con poche semplici parole. “Mio amato fratello, il mio rock … oh mio mal di cuore”, ha scritto su Facebook. “Yaser è un martire, a Dio piacendo, grazie a Dio per il suo destino.”

Il venerdì è stato un giorno sanguinoso per i giornalisti a Gaza. Accanto a Murtaja, altri sei giornalisti sono stati feriti dall’occupazione israeliana durante la copertura delle proteste di confine.

Il Sindacato dei Giornalisti Palestinesi ha reso omaggio a Murtaja e ha descritto il target di sette giornalisti come “una decisione dell’esercito israeliano di continuare a commettere crimini deliberati contro giornalisti palestinesi”.

Murtaja ha incarnato la storia di una generazione di palestinesi a Gaza le cui speranze sembrano semplici: sognano di vivere una vita normale, proprio come tutti gli altri. Sognano di poter viaggiare fuori dalla Striscia di Gaza, il luogo che rappresenta per loro tutto ciò che sanno di questo mondo.

 

Foto in evidenza  Anadolu

Categorie Cisgiordania, Gaza, PalestinaTag , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close