MSF: più di 6.700 Rohingya uccisi nel primo mese di repressioni in Birmania

da  download 14 dicembre 2017

Almeno 6.700 Rohingya, compresi 730 bambini di età inferiore ai cinque anni, sono stati uccisi nel primo mese della campagna di repressione in Birmania tra il 25 agosto e il 25 settembre, come dichiarato giovedì dalla l’Ong.

1505495075612-GettyImages-846713824

Un rapporto di Medici Senza Frontiere (MSF) , pubblicato Giovedi, 14 dicembre, dice che più di 6.700 Rohingya, tra cui 730 bambini sotto i 5 anni, sono stati uccisi in Birmania durante i primi mesi della repressione militare in Stato di Rakhine (ovest), tra il 25 agosto e il 25 settembre.

nwsstory15e145-vice-news-left-for-dead-full-broadcast-wmmp4-1463059116

Le cifre di MSF coprono solo il primo mese di violenza, ma l’esodo continua oggi e le persone in fuga “dicono di aver subito violenze nelle ultime settimane”. Per la ONG, “l’estensione e la natura delle violenze portate alla luce sono spaventose”.

800x-1

Secondo le indagini delle ONG sui campi profughi in Bangladesh dove più di 640.000 Rohingya si sono rifugiati per sfuggire a ciò che le Nazioni Unite chiamano “pulizia etnica”, il 69% delle vittime è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco, Il 9% è stato vittima di ustioni mortali, il 5% dei linciaggi.

Un numero sottovalutato

40279627_303

“Il numero di morti è probabilmente sottostimato perché non abbiamo studiato tutti i campi profughi in Bangladesh e gli studi non includono le famiglie che non sono mai state in grado di lasciare il Myanmar”, dice il rapporto. Dr. Sydney Wong, direttore medico di MSF.

0915rohingya05

Sulla Francia 24 >> Rapporto esclusivo: Rohingya, diniego birmano

27rohingya-camps-1-master768

La repressione dell’esercito birmano è iniziata il 25 agosto a seguito dei raid della polizia da parte dei ribelli dell’Arkistan Rohingya Salvation Army (ARSA).

Rohingya refugees cross the Naf river with an improvised raft to reach Bangladesh at Sabrang near Teknaf

Vittime di discriminazione, questa minoranza musulmana è apolide. Anche se alcuni vivono nel paese, oltre il 90% buddista, per generazioni, non hanno documenti di identità, non possono viaggiare o sposarsi senza permesso. E non hanno accesso al mercato del lavoro o ai servizi pubblici, come scuole e ospedali.

 

Notizia AFP

Categorie Birmania, Diritti negati nel mondoTag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close