La guerra dei kurdi in Siria per una democrazia dal basso

di Marco Marano

Sostenuti militarmente dagli USA e osteggiati da Turchia, Russia, Iran e governo siriano, il popolo kurdo continua a combattere sul campo, per la propria indipendenza.

Bologna, 18 settembre 2017 – Il 22 settembre 2017 nei tre cantoni della Federazione Democratica della Sira settentrionale, si terranno le consultazioni per l’elezione dei Co-Presidenti comunali, secondo quanto dichiarato dall’Assemblea Costituente della stessa federazione. Il modello di democrazia dal basso del Rojava si è dall’inizio caratterizzato per il protagonismo delle istanze femminili, al centro dell’assetto istituzionale. Ecco perché saranno migliaia le donne che si candideranno a questa tornata elettorale.

Nel frattempo la guerra per procura in Siria, ufficialmente contro l’Isis, non si ferma. Le Forze Democratiche Siriane (SDF), una fortissima milizia prevalentemente strutturata dal popolo kurdo, ma che vede al suo interno anche varie etnie arabe, continuano ad avanzare  e togliere terreno all’Isis, sia a Raqqa che a Deir ez-Zor, i due fronti di guerra più accessi. Ma sulle SDA piovono gli attacchi militari, soprattutto dalla Turchia.

Un processo elettorale partecipato

“Tutti vogliono partecipare al successo del federalismo democratico nel nord della Siria, a partire dalla formazione dei comuni, che sono il nucleo fondamentale del modello e dell’organizzazione della democrazia diretta”. Ruken Mullah Ibrahim è la co-presidente della commissione elettorale, del Cantone Cizire. In un’intervista all’agenzia di stampa Hawar News Agency, spiega come la partecipazione del popolo kurdo al nuovo processo elettorale sia stato massiccio, soprattutto da parte delle donne. Sono 3.372 le donne candidate per 2.467 comuni. “Anche se siamo ai primi esperimenti per formare un sistema di federalismo democratico, – sottolinea Ruken Mullah Ibrahim – non abbiamo affrontato grandi difficoltà che ostacolano la condotta del processo elettorale”. Il controllo sull’andamento della tornata elettorale sarà affidato all’Ufficio dei diritti dell’uomo del cantone.

La democrazia dal basso che fa paura

Il modello confederale nord siriano in maggioranza abitato da kurdi, vede la presenza di altre etnie arabe che ormai si sono omogeneizzate nel rispetto delle minoranze, dei diritti delle donne e dei valori democratici. Se il Rojava, cioè la prima autonomia kurda nel nord della Siria, fu laboratorio di questa nuovademocrazia dal basso, c’è da dire che nel contesto del Medio Oriente, governato da dittatori e autocrati, questo modello ha tutti contro. Innanzitutto la Turchia di Erdogan, acerrimo nemico dell’indipendenza kurda, sia per le sue questioni interne, che per il fatto che la zona settentrionale della Siria è per lui strategica, in termini geografici e di risorse. Dal confine turco-siriano per anni sono passati armi, petrolio di contrabbando e  Foreign Fighters: si trattava dei traffici tra l’Isis e i servizi turchi. Così, mentre gli Stati Uniti, supportano l’azione militare delle SDF a Raqqa eDeir ez-Zor, la Turchia gli muove guerra nella striscia di confine tra est e ovest, in piena Siria del nord. Tra veri e propri assalti e “scaramucce” il controllo militare dell’area è affidato alle HPG kurde che proprio l’altro ieri hanno ucciso tre soldati turchi e fatto diversi feriti a Sirnak. Per risposta l’esercito turco ha bombardato diverse aree della montagna di Cudi nelle cui pendici sorge la città.

La de-escalatoion e le sue trappole

Ma questa si sa è la guerra dei paradossi. Si, perché secondo l’accordo di Astana sulla “de-escalation” è prevista la cessazione delle ostilità tra gruppi anti-governativi e forze che combattono per conto di Bashar al-Assad. Quattro sono le zone di de-escalation in aree prevalentemente contenute dalle opposizioni al regime siriano: Eastern Ghouta e le province di Idlib, Homs, Latakia, Aleppo e Hama. Russia, Turchia e Iran fanno garanti. Ottima opportunità questa per il sultano Erdogan, cioè di intensificare la presenza militare nel nord della Siria, al fine di distruggere le mire autonomiste e democratiche del popolo kurdo.

Domenica, ben 80 veicoli militari, compresi i carri armati, hanno varcato il confine, secondo quanto trasmesso dall’agenzia Anadolu. Gli automezzi sono stati inviati nella provincia sud-est di Hatay, mentre un convoglio di veicoli corazzati si è diretto alla frontiera con la Turchia di Cilvegozu, nella zona di Bab al-Hawa e a Rihaniyah. Convogli, che a sentire le testimonianze sul campo, sarebbero rimasti in quelle zone mentre avrebbero dovuto raggiungere le aree di de-escalation.

Attacchi e incursioni

Intanto a Raqqa l’offensiva delle SDF contro l’Isisprocede inesorabile. Durante gli scontri di sabato sono stati uccisi 32 membri dello Stato islamico. I quartieri della città interessati ai combattimenti sono stati Al-Amin, Al-Hena, Al-Nehda e Al-Rawda. E’ stato preso l’ospedale strategico di Muwasa, mentre ieri sempre le SDF, nel quartiere di Al-Nahda, sono riuscite a salvare dall’Isis 45 persone destinate a fare da scudi umani.

Infine proprio a Deir ez-Zor, nel nord-est, sabato, sei soldati delle SDF sono rimasti feriti in seguito ad un raid aereo, presumibilmente effettuato dall’aviazione russa, che ha negato ogni responsabilità. Il maggiore generale Igor Konashenkov, ha voluto sottolineare che il piano d’attacco era statopreventivamente presentato al comando statunitense.

Fonti: Al-Jazeera, ANF News, ANHA News.

Credits: Reuters, AP, ANF News

Categorie Rojava

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close