Perché essere giornalista in Egitto diventa di giorno in giorno più difficile

Disamina sulla repressione del governo del presidente Abdel Fattah el-Sisi sui media, otto anni dopo la primavera araba.

Da Al-Jazeera26 gennaio 2019 

Sono passati otto anni dalla caduta di Hosni Mubarak e dalla rivolta della Primavera araba, che ha liberato per breve tempo gli egiziani e i loro media dal dominio di un solo uomo. Velocemente il governo del presidente Abdel Fattah el-Sisi sta raddoppiando, triplicando il controllo dei mezzi di informazione , misure segnalate dalle organizzazioni per i diritti umani, sottolineando che non ci sono precedenti simili nella recente storia del paese.

Per la prima volta nella storia dell’Egitto , i governanti militari, che sono quasi mezzi dei e immuni da ogni tipo di responsabilità o di critica dei media, si sono trovati a essere descritti sui media e sui social media egiziani come bugiardi o ingannatori o oppressori e a loro sicuramente non è piaciuto “, spiega Amr Magdi, ricercatrice presso Human Rights Watch .

Quando un governo vuole trasformare un paesaggio mediatico, il punto di partenza è di intervenire sulle proprietà. L’ONTV è un canale che soleva animare vivaci dibattiti politici. Come molte altre esperienze con passaggi proprietari, ora è allineata al governo.

Nel 2016, l’agenzia di intelligence statale GIS, ha lanciato il proprio canale DMC. Poi l’anno scorso, il GIS sta dietro un gruppo di investimento chiamato Eagle Capital, il quale ha acquistato sei giornali e siti web, tra cui un sito Youm7, così come ONTV.

È come se la CIA avviasse il proprio canale negli Stati Uniti, acquisendo  tranquillamente la CNN e Buzzfeed, sperando che nessuno se ne accorgesse.

Il governo di al-Sisi sta propagandando fondamentalmente un “discorso sulla sicurezza”, spiega Marwa Mazaid, analista dei media e ricercatrice politica all’Università di Washington.  “La proprietà dell’agenzia d’intelligence ha cambiato la linea editoriale in alcune di queste società private, rendendole di intrattenimento con film, sport e simili, o propugnando un tipo di discorso molto pro-stato, nazionalista, protettivo. ”

Anche il panorama legale sta cambiando. Alla fine dell’anno scorso, il supervisore dei media egiziani, SMRC, propose una nuova legge che avrebbe permesso allo stato di bloccare le trasmissioni e i siti web, per opporsi ad ambigue regole, centinaia di giornalisti, politici e personaggi pubblici fecero una petizione per l’abolizione di una legge che doveva ancora passare.

Tra queste c’è la cosiddetta “legge sulla sicurezza informatica “, che con il pretesto di fermare “notizie false”, limita il giornalismo online e incoraggia i fornitori di servizi a raccogliere e condividere dati sugli utenti.

Poi c’è una nuova legge sulla registrazione dei siti di notizie online, che richiede a questi di pagare più di  34.000 $ solo per richiedere una licenza. Se applicata, metterà fuori mercato molti siti e scoraggerà gli altri dall’avvio.

A peggiorare le cose, l’apparato di intelligence del governo, “Ha iniziato ad infiltrarsi in cose come Facebook, Messenger e WhatsApp”, sottolinea Dalia Fahmy, docente di Scienze politiche alla Long Island University.

“Se, ad esempio, vengono inoltrati messaggi su WhatsApp a diversi individui, si otterrà la diffusione di false informazioni coperte dalla legge sul terrorismo e così, questa agghiacciante società  è ora entrata nel regno del cyberspazio dove le persone non possono confrontarsi con la realtà “.

Hanno contribuito

Marwa Maziad – Ricercatrice comparata di media e politica, Università di Washington
Dalia Fahmy – Professore associato di scienze politiche, Università di Long Island
Amr Magdi – Ricercatrice, Human Rights Watch
Ahmed Samih – Direttore, Andalus Institute

Immagine in evidenza: Reuters

Annunci